La Danzica Bene

Affacciata sul Mar Baltico, a poco più di 200 km dalla costa svedese e raggiungibile con un aereo fucsia, si trova una ridente cittadina chiamata Gdańsk, a noi più nota come Danzica.

Tralasciamo la sua noiosa storia, legata a prussiani, Napoleone, guerre, ordine teutonico, svedesi, altre guerre, conquiste tedesche, conquiste russe e bombardamenti, ed andiamo ad analizzare i punti focali da tenere in considerazione qualora si pensasse di visitarla.

Danzica custodisce un ingente patrimonio culturale, data la sua storia molto antica e variegata; si alternano monumenti e stili architettonici radicalmente diversi, risultato del passaggio delle più disparate popolazioni.

La città offre quindi numerosi spunti nel caso si abbia intenzione di intraprendere un viaggio “culturale”, ma non è affatto il nostro caso.

Se come me amate vivere le città, immedesimarvi nelle situazioni, le attività diurne alternative sono tantissime e vanno dalla birra mattutina in un pub, alle molestie sessuali nei centri commerciali. In estate è anche possibile andare in spiaggia, basta solo ricordarsi di portare sciarpa, berretto e guanti… Per la cronaca, se pensate che l’acqua dell’oceano sia fredda, è solo perché non avete mai provato a fare il bagno in quella del Mar Baltico.

Ma ciò che spinge a sbattersi fino all’estremo nord della Polonia è in realtà il fatto che questa città sia diventata, negli ultimi anni, una delle più rinomate mete di vacanza per i giovani nordici, che di certo non sono famosi per la loro moderazione.

Le discoteche, i club e le birrerie sono infinite, è quasi impossibile elencarle tutte; mi sento però di soffermarmi su due luoghi di perdizione degni di nota, il Klub Parlament (Świętego Ducha 2, Gdańsk) e il Cafe Absinthe (stesso indirizzo, si trova sul retro del medesimo stabile).

Il primo è probabilmente la miglior discoteca in zona: enorme, bellissima e sempre piena, anche se le serate migliori sono il venerdì ed il sabato. Non sono un fan delle danze ma, nonostante la sua relativa poca fama, penso non abbia nulla da invidiare ad altri clubs europei più titolati.

L’Absinthe invece è un posto vero, un bar (dal nome decisamente evocativo) dove di sera si spostano i tavoli contro al muro e si creano situazioni surreali. Non mi ricordo nemmeno con quante persone sconosciute ho bevuto… Però mi ricordo di un finlandese che tirava testate e di un tizio che ha cercato di proporci delle prostitute russe. Vabbè…

La verità è che nonostante le possibilità offerte da Gdańsk siano tante, bisogna uscire dalle sue mura per trovare il centro della vita mondana, del turismo e del commercio.

Danzica infatti fa parte di un grosso centro urbanistico, insieme a Gdynia e Sopot.

Ed è proprio di quest’ultima, raggiungibile a qualsiasi ora del giorno e della notte in 20 minuti di treno, che incarna il sentimento di divertimento e di baldoria; è qui che si trovano la maggior parte degli stabilimenti balneari, dei negozi e dei locali.

Monte Cassino, la via principale, è una sorta di piccola Rambla dove si alternano club, birrerie, pub e tizi che ti chiedono :”Need some weed?”.

Qui i locali sono quasi tutti gratuiti e volendo potete passare la serata a girarli tutti, tanto finirete sempre ed inesorabilmente al Kongo Bar (Bohaterów Monte Cassino 60, Sopot).

Non perdo nemmeno tempo a parlarne, chi ci andrà capirà.

Ci sarebbero anche molte altre cose bellissime da vedere nei dintorni… Ma la birra costa così poco che è un peccato sprecare tempo per visitare castelli.

154

Facebooktwittergoogle_pluspinterestFacebooktwittergoogle_pluspinterest

0 comments on “La Danzica BeneAdd yours →

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *